Quando un auto classica diventa un potenziale investimento: una prima classificazione

Per molti le auto d'epoca non sono solo un hobby, sono anche un investimento con buoni rendimenti.

L'auto è stata prodotta da un produttore con una lunga storia? Ha aiutato nel progresso di alcune tecnologie o ha portato all'introduzione di nuovi materiali? E, ultimo ma non meno importante, rimane la questione della quantità: meno unità vengono prodotte per un determinato modello, meglio è. Secondo gli appassionati di auto, le auto d'epoca si dividono in due categorie: auto da collezione e classiche.


Le auto da collezione sono quelle che esistono in gran numero prodotte dalle principali case automobilistiche. In generale, non rappresentano nulla di speciale nella tecnologia o nel design. Tuttavia, ci sono persone che considerano le auto di prima generazione un classico, per il loro valore storico in termini di design, la loro importanza per l'industria automobilistica e la loro longevità di produzione. Quello che qui va sottolineato è che anche se queste sono considerate come un'auto classica, non sono necessariamente un investimento che porterà grossi profitti, a meno che non si abbia un esemplare speciale (come il primo veicolo prodotto, ad esempio).


Un'auto classica, al contrario, è un'automobile che ha segnato il suo tempo. Questi veicoli in genere incorporavano nuove tecnologie automobilistiche al momento del loro lancio o possono essere icone del design nell'industria automobilistica, rendendole altamente desiderabili dai collezionisti.


Un'auto con una storia in pista migliora il suo pedigree e aumenta il suo fascino per i potenziali acquirenti. I modelli progettati da Carroll Shelby o Zora Arkus-Duntov sono buoni esempi di investimenti che mantengono il loro valore decenni dopo il loro lancio. Inoltre, anche essere appartenuta a una celebrità o aver partecipato ad un film può aumentarne notevolmente il valore. Un altro vantaggio è se l'auto ha partecipato con successo a gare o raduni.


Il mercato delle auto d'epoca è simile al mercato delle opere d'arte o dei gioielli. I collezionisti acquistano veicoli per la loro estetica, ma anche per il potenziale ritorno dell'investimento. E' fondamentale ricordare che per investire in un classico non bastano solo soldi dell'investimento iniziale; il mantenimento di un classico richiede altre spese tra cui la pulizia, la manutenzione specializzata (spesso restauri che possono richiedere anni) e l'approvvigionamento di pezzi di ricambio (rari e costosi). Inoltre più originali sono le condizioni del veicolo e minore è il suo chilometraggio, maggiore è il suo valore di mercato.


fonte


148 visualizzazioni