top of page

La Chevrolet Corvette è l'auto più iconica degli ultimi 75 anni

A seguito di un recente sondaggio di Motortrend, è emerso che gran parte dei partecipanti hanno decretato la Corvette quale migliore "Auto sportiva americana degli ultimi 75 anni" tra 10 modelli iconici quali anche la Ford Mustang e la Jeep Wrangler, per citarne alcuni.


Riavvolgendo 71 di quegli anni fino al gennaio 1953 al Waldorf Astoria Hotel di New York City, nessuno avrebbe previsto questo momento. L'interesse era forte per la nuova auto sportiva GM con carrozzeria in fibra di vetro, sì, ma con un sei cilindri in linea "Blue Flame" da 150 CV sotto il cofano supportato da un cambio automatico Powerglide a due velocità, non era esattamente il fenomeno automobilistico che conosciamo oggi. Chevrolet ne costruì solo 300, e anche quelle avevano difficoltà a trovare casa: si poteva comprarle solo bianche con interni rossi, il che non aiutava la situazione. I finestrini con tettoia e tende fai-da-te che funzionavano solo con il tetto montato non erano per nulla allettanti quando arrivava il momento di concludere una vendita...



Tuttavia, questo bastò ad attirare l'attenzione di un ingegnere di nome Zora Arkus-Duntov. Nonostante il suo titolo onorifico di "padre della Corvette", la General Motors non assunse Arkus-Duntov fino a cinque mesi dopo aver visto l'auto al Motorama Show nella sala da ballo del Waldorf Astoria. Il leggendario designer GM Harley Earl ebbe l'idea originale, il suo luogotenente Robert McLean la disegnò, ed il capo della ricerca e sviluppo di Chevy, Maurice Olley, l'ha infine progettata. Nel giro di pochi anni, Olley e Arkus-Duntov riportarono in carreggiata il progetto equipaggiandolo con il primo Chevy V-8 smallblock abbinato ad un cambio manuale: e così si partì per le gare.


Al di là delle auto stesse, associazioni fortuite con la celebrità ne hanno consolidato il posto nella cultura pop americana, prima come auto dei personaggi principali nel popolare programma televisivo Route 66, sponsorizzato da Chevrolet, con l'azienda sempre pronta a sostituire l'auto all'inizio di ogni stagione con un modello aggiornato e alla fine degli anni '60 come l'auto degli astronauti dell'Apollo.

L'ingegnere capo della Chevy, Ed Cole, regalò personalmente all'astronauta Alan Shepard una Corvette del '62 dopo il suo ritorno dallo spazio; ovviamente anche tutti gli altri astronauti della Mercury e i successivi astronauti dell'Apollo ne avrebbero voluto una. Il rivenditore della Florida e precedente vincitore della 500 Miglia di Indianapolis Jim Rathmann offrì agli eroi nazionali nuove Corvette per $ 1 ciascuna ogni anno fino alla fine del programma Apollo. Molti di loro avevano le loro auto verniciate su misura, ed oggi è possibile ammirarne diverse al National Corvette Museum di Bowling Green, nel Kentucky. E sì, c'è un museo solo per le Corvette storiche.



La Corvette è ovunque nella storia della cultura pop americana degli ultimi 75 anni. È apparsa in canzoni di artisti che vanno dai Beach Boys a George Jones a Sir Mix-a-Lot fino alla più famosa hit di Prince del 1983 "Little Red Corvette". Sul piccolo schermo era l’auto preferita di Sam Malone in Cheers. Sul grande schermo, è apparsa ovunque, da Corvette Summer ad Austin Powers, dalla serie Transformers a quella Fast&Furious. Barbie ha guidato un modello modificato di prima generazione nel suo ultimo blockbuster (una conversione di un veicolo elettrico con spunti stilistici del '56 e del '57), e ne ha avute 26 da quando ha ritirato il suo primo modello nel 1976. Anche Ken e l'amica di Barbie, Shani, avevano ciascuno la sua.



In pista, la Corvette ha percorso la Indy 500 per un record di 21 volte, e il team Corvette Racing, sostenuto dalla fabbrica, è stato assolutamente dominante in patria e all'estero. Fondata nel 1999, ha vinto nove volte la 24 Ore di Le Mans, quattro volte la Rolex 24 Ore di Daytona, dieci volte il campionato American Le Mans Series, cinque volte l'IMSA WeatherTech SportsCar Championship e una volta il FIA World Endurance Championship.


Chevy ha venduto più di 1,8 milioni di Corvette negli ultimi 71 anni, otto generazioni e due layout di propulsione, dotate di trasmissioni automatiche, manuali e a doppia frizione. Sotto il cofano delle varie auto e concept di produzione, ci sono stati sei cilindri in linea con aste di spinta, V-8 con aste di spinta e doppia camma in testa, compressori, turbocompressori, un sistema ibrido e persino motori rotativi. Sono apparse in innumerevoli film, programmi TV, canzoni e copertine di riviste e sono appartenute a più celebrità di quante possiamo elencare, fino all'attuale presidente degli Stati Uniti.



148 visualizzazioni

Commentaires


bottom of page